Intervista a Gian Ettore Gassani a Rai Parlamento sull’emergenza, sul femminicidio, la violenza in famiglia e sulle criticità del Codice Rosso.

Tra i temi caldi relativi alla pandemia trattati dal famoso avvocato divorzista Gian Ettore Gassani, un argomento di primo piano è legato alla convivenza forzata. Questa ha senz’altro fatto sì che la violenza in famiglia nei confronti delle donne sia aumentata.

Sono state ben 11 le donne vittime di femminicidio nei soli primi 2 mesi del 2021.

Come dice nel suo servizio Giovanna Trapani: “Esistono uomini che uccidono le donne e si tratta di una strage che purtroppo non sembra ancora avere fine. Sono per lo più donne disperate che non hanno la forza né il coraggio di denunciare la vita desolante che stanno vivendo prima che sia troppo tardi.”

Guarda il video:

La prima domanda che è stata fatta all’avvocato Gian Ettore Gassani, che opera sia a Milano che a Roma, è stata:

Com’è possibile mettere fine alla violenza in famiglia?

L’avvocato, specializzato in Diritto di Famiglia a Roma e a Milano, risponde con la possibilità di intraprendere diverse misure quali varare nuove leggi che prevedono dei finanziamenti sul territorio, potenziare i centri anti violenza e i servizi sociali. Inoltre, l’esperto pone l’accento soprattutto sul cercare un nuovo modo di “fare scuola”, un nuovo linguaggio in uso tra i ragazzi, affinché la cultura maschilista venga estirpata fin dai banchi di scuola.

Ad incidere in modo particolarmente negativo è stata la convivenza forzata durante il lockdown: nel confronto tra i primi 10 mesi del 2019 e il medesimo periodo del 2020, il numero dei femminicidi familiari con vittime conviventi è salito addirittura di oltre il 10%.

L’Avvocato continua: “La pandemia nella sua fase iniziale ha avuto indubbiamente un grande effetto “detonatore” rispetto a quelle coppie già in crisi. Vivere sotto lo stesso tetto in 60 mq ha creato tantissimi disagi alle coppie, per cui c’è stato un aumento esponenziale di violenze domestiche: il 70% in più rispetto al 2019 secondo il Centro Antiviolenza.

Abbiamo ricevuto un 30% di ricorsi per separazione. Se a questo aggiungiamo che più di 30.000 matrimoni sono stati rinviati, si può dire che questo virus ha inferto un duro colpo al cuore della famiglia italiana.

Le donne non sono le uniche ad essere vittime. I figli dei femminicidi sono circa 2.000 nel nostro paese, c’è da lavorare tantissimo sul loro recupero psicologico, relazionale, sociale, perché questi ragazzi sono stati colpiti da una tragedia troppo grande.”

Che cosa deve fare una donna quando si sente in pericolo?

La donna che si sente in pericolo deve denunciare sempre, non deve avere paura di denunciare e lo Stato deve aiutarla dopo la denuncia in modo che proprio quella denuncia sia un momento di tutela della donna e dei figli di quella donna.      

L’avvocato Gassani, esperto in separazioni e divorzi, è cassazionista del Foro di Roma, avvocato esperto in Diritto penale della famiglia, Diritto di famiglia internazionale, Diritto Penale ordinario e minorile, Adozioni Internazionali e Sottrazioni Internazionali dei Minori.

Presidente Nazionale e fondatore dell’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia).

 

Scopri altro sull’avvocato matrimonialista Gian Ettore Gassani


banner-showreel-gassani Violenza in famiglia, femminicidio e criticità del Codice Rosso. Intervista a Gassani
banner-consulenza-legale-on-line Violenza in famiglia, femminicidio e criticità del Codice Rosso. Intervista a Gassani

 

Condividi questo articolo...
facebook Violenza in famiglia, femminicidio e criticità del Codice Rosso. Intervista a Gassani
Facebook
twitter Violenza in famiglia, femminicidio e criticità del Codice Rosso. Intervista a Gassani
Twitter
linkedin Violenza in famiglia, femminicidio e criticità del Codice Rosso. Intervista a Gassani
Linkedin
email Violenza in famiglia, femminicidio e criticità del Codice Rosso. Intervista a Gassani
email