I Libri

di GIAN ETTORE GASSANI

Clicca sull’immagine del libro per vedere i dettagli di ciascun libro e visitare il sito web relativo.

La storia dei libri di Gian Ettore Gassani

pubblicato nel 2011

I perplessi sposi

In Italia il tempo medio per emettere un provvedimento provvisorio di separazione è di appena 27 minuti: un tempo brevissimo, in cui si consumano tanto matrimoni usa e getta quanto unioni alle soglie delle nozze d’oro. Vere e proprie guerre in tribunale che mettono in campo figli contesi, ipocrisie, tradimenti, onore ferito. “I perplessi sposi” è la prima analisi di questo scenario fatto di nuove povertà, discriminazioni, diritti calpestati o non riconosciuti, uomini che odiano le donne e viceversa, ma anche addetti ai lavori troppo spesso inadeguati. E se fosse arrivato il momento di voltare pagina? Prefazione di Paolo Guzzanti.

pubblicato nel 2015

Vi dichiaro divorziati

L’Italia è chiamata a varare grandi riforme in tema di diritti civili: ce lo chiede l’Europa, ce lo chiede la storia e lo chiedono gli italiani. La legge deve rispettare il comune sentire e, a volte, deve elevare il livello culturale di un popolo, giocando di anticipo. Il diritto delle relazioni personali ha bisogno di svolte epocali e di addetti ai lavori specializzati. Per attuare questo ambizioso progetto la politica deve investire tantissime risorse. Quella di oggi è una società complessa e variegata che non può essere ignorata dalla legge, al cui interno qualunque tipo di famiglia ha diritto di esistere e di essere tutelata. Anche nella fase patologica, la famiglia deve essere posta al centro dell’attenzione. Vi è ancora troppa violenza nelle relazioni familiari, troppe nuove povertà, troppi figli contesi come se fossero oggetti di proprietà. Molte cose sono cambiate negli ultimi anni a livello normativo, ma la svolta, quella vera, deve ancora arrivare.

pubblicato nel 2016

La tutela del convivente dopo la legge sulle unioni civili

L’opera, aggiornata alle novità introdotte dalla L. n. 76/2016, dal D.P.C.M. n. 144/2016, nonché dal Regolamento Comunitario n. 1104/2016, affronta il tema, più che mai attuale, delle unioni civili e delle convivenze di fatto. L’evolversi del tessuto sociale ha portato alla nascita di variegate forme di “famiglia”. Accanto a quella monogamica, eterosessuale, fondata sul matrimonio, nuovi “status” familiari sono introdotti dalla novella legislativa che determina inediti scenari nel diritto di famiglia. Il volume, dopo un’attenta analisi dell’evoluzione normativa, dottrinale e giurisprudenziale (da ultimo la pronuncia della Suprema Corte n. 12962/2016), nell’ordinamento comunitario e sovranazionale, esamina le unioni affettive, eterosessuali ed omosessuali, dal momento della costituzione allo scioglimento, precisandone le conseguenze sui rapporti patrimoniali e di filiazione. In questo contesto si inserisce il diritto della coppia e della prole a una relazione familiare stabile e si approfondisce la questione relativa alla possibilità, al fine di tutelare il superiore interesse del minore, che un ordinamento vieti l’adozione esclusivamente per ragioni di orientamento sessuale. Viene, infine, esaminata la stepchild adoption, in ragione delle eventuali conseguenze penali del riconoscimento in Italia di un rapporto di filiazione nato all’estero con la tecnica della maternità surrogata e con riferimento alla possibilità di adottare il figlio del partner.

pubblicato nel 2017

C'eravamo tanto armati: Storie di cuori spezzati

Questo libro è una raccolta di storie di vita vissuta con protagoniste famiglie comuni. Sono storie di amori violenti, di figli manipolati attraverso battaglie legali, di genitorialità omosessuale, di disabilità dimenticata e di sottrazione di minori, dove la legge non aiuta chi avrebbe bisogno di conforto e sostegno. Sono anche storie di riscatto, che insegnano a non lasciarsi travolgere da un destino avverso. Non sono, però, solo questo. Vengono trattati temi scottanti come la dolce morte: in un dialogo accorato con l’autore, Mina Welby ricorda la storia del marito, e la sua lotta estrema per i diritti dei più fragili. Oppure l’uso delle biotecnologie in casi estremi, come il decesso di uno dei due coniugi. In un linguaggio scevro da inutili tecnicismi e accessibile a tutti, questi racconti hanno lo scopo di formare le coscienze su temi di scottante attualità.