Se la moglie chatta con un altro uomo viola l’obbligo di fedelta’ ma non e’ abuso familiare

Se la moglie, chattando, intraprende una relazione con un’altro uomo viola i doveri di fedeltà coniugale ma non commette un abuso familiare tale da richiedere l’adozione di un provvedimento protettivo come previsto dagli articoli 342 bis e 342 ter del codice civile ed il conseguente allontanamento dalla casa familiare, poiché occorre che le azioni, seppur reiterate, siano ravvicinate nel tempo e consapevolmente dirette a ledere i beni tutelati dalla Legge 154/2001.

 

Tale condotta, secondo una sentenza del Tribunale di Salerno, non configura un “grave pregiudizio all’integrità fisica o morale ovvero alla libertà dell’altro coniuge o convivente” indicata dall’art. 342 bis. E pertanto non vi sono le premesse per l’adozione del provvedimento protettivo

 

Condividi questo articolo...
facebook Se la moglie chatta con un altro uomo viola l'obbligo di fedelta' ma non e' abuso familiare
Facebook
twitter Se la moglie chatta con un altro uomo viola l'obbligo di fedelta' ma non e' abuso familiare
Twitter
linkedin Se la moglie chatta con un altro uomo viola l'obbligo di fedelta' ma non e' abuso familiare
Linkedin
email Se la moglie chatta con un altro uomo viola l'obbligo di fedelta' ma non e' abuso familiare
email