Il genitore che riversa sul figlio le frustrazioni del divorzio di per se’ non commette il reato di maltrattamento

La Corte di Cassazione (Sentenza n. 40385/09) ha stabilito che il genitore che riversa sui figli le frustrazioni per la fine del matrimonio non sempre compie il reato di maltrattamenti in famiglia.

Infatti, per la sussistenza del reato previsto dall’art. 572 CP, riguardo alla componente materiale, occorre la “reiterazione e continuità del presunti fatti di maltrattamenti in modo da renderli abituali”. Questo non esclude altre ipotesi di reato (ingiuria, lesioni o abuso dei mezzi di correzione).

Condividi questo articolo...
facebook Il genitore che riversa sul figlio le frustrazioni del divorzio di per se' non commette il reato di maltrattamento
Facebook
twitter Il genitore che riversa sul figlio le frustrazioni del divorzio di per se' non commette il reato di maltrattamento
Twitter
linkedin Il genitore che riversa sul figlio le frustrazioni del divorzio di per se' non commette il reato di maltrattamento
Linkedin
email Il genitore che riversa sul figlio le frustrazioni del divorzio di per se' non commette il reato di maltrattamento
email